https://www.iltredici.it/amp/index.html
venerdì, 31 maggio 2024 - ore 00:17
Scarica l'App il13
Ci trovi sul telecomando:
Numero 13
Friuli Venezia Giulia e Veneto Orientale
24/24 H
Numero 88
Triveneto
24/24 H
Numero 13
Friuli Venezia Giulia e Veneto Orientale
24/24 H
Numero 88
Triveneto
24/24 H
Home / Economia / Prosecco: a Londra petizione al governo per 'bancomat'

Prosecco: a Londra petizione al governo per 'bancomat'

Produttori Doc preannunciano iniziative legali

Prosecco: a Londra petizione al governo per 'bancomat'
Non un'iniziativa estemporanea a base pubblicitaria, ma un argomento che è diventato il tema di una vera e propria petizione rivolta al governo inglese. Il "bancomat del Prosecco" installato in una via centrale di Londra ad opera della vineria "Vagabond Wine", di cui la stampa ha iniziato a parlare in questi giorni e che ha indotto il Consorzio di tutela del Prosecco Doc ad annunciare azioni legali per frode verso i consumatori inglesi, in base a quanto si sta verificando nei social network britannici sembra trasformarsi in un vero braccio di ferro.
"Fino a quando - si legge nel testo della richiesta con raccolta di firme online - i cittadini inglesi saranno privati del diritto di godersi un calice di spumante da distributori automatici in luogo pubblico? Poniamo fine a questa ingiustizia e incentiviamo l'installazione di 'Automatic bubble machine' nelle strade principali".
Per i produttori di Prosecco Doc questo modo di somministrazione è invece "contrario al disciplinare" in quanto il consumatore non può avere visione dell'autenticità del prodotto acquistato attraverso l'etichetta e la fascetta della bottiglia. Il Consorzio aveva preannunciato ieri iniziative legali "contro chiunque, in Italia e all'estero, continuerà a somministrare del vino alla spina vendendolo come Prosecco, cosa non ammessa in alcun modo dal disciplinare vigente".
0 Commenti
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori